Le Ombre | RADICI SULLA SCENA
2891
page-template-default,page,page-id-2891,ajax_leftright,page_not_loaded,,large,shadow1

RADICI SULLA SCENA

RADICI SULLA SCENA

studio di tecniche teatrali finalizzato alla realizzazione di uno spettacolo.
Conduce Francesco Tonti della Compagnia dei Ciarlatani

separatore

img
STUDIO: OTTOBRE – DICEMBRE 2016

Questo studio è rivolto a chiunque voglia sperimentare il teatro concentrandosi sulle tecniche di scena. Non è richiesta esperienza, ma voglia di conoscere e perfezionare la propria espressività. Ogni persona è interessante e possiede doti particolari. Nella vita di tutti i giorni, però, tali doti possono essere offuscate dai ritmi frenetici e dalla routine. Stare in scena aiuta a potenziare la capacità di comunicare, che passa anzitutto per il corpo e poi per la voce. Come agire in modo espressivo? Come sviluppare l’interesse del pubblico per quello che stiamo facendo o dicendo? Qual è la differenza tra essere e fare? Come dialogare senza fingere, in modo vero e credibile? Come esprimere un sentimento intenso e drammatico senza sembrare patetici? Durante il corso utilizzeremo alcune tecniche con lo scopo di valorizzare le caratteristiche espressive di ciascuno. Si lavorerà singolarmente e in gruppo, lasciando spazio alla relazione e alla creatività. Toglieremo il superfluo e svilupperemo il necessario. Ognuno sarà guidato in modo morbido, per un viaggio piacevole nelle tecniche. Cominceremo con giochi teatrali semplici per entrare in sintonia col resto del gruppo, esercizi di fiducia e di ascolto. In seguito scopriremo alcune tecniche recitative e conosceremo le regole dello stare in scena, per risultare veri nella finzione. Per non fare nulla in modo casuale o generico.

PREPARAZIONE DELLO SPETTACOLO: GENNAIO – MAGGIO 2017

Da gennaio 2017 il gruppo passerà dallo studio delle tecniche alla preparazione di uno spettacolo che sarà basato principalmente su testi di dialetto d’autore e potrà includere parti create durante la fase di studio. Il lavoro mira a riscoprire la parola delle nostre radici, il dialetto appunto, e lo farà attraverso i testi di grandi poeti e scrittori del territorio. Il dialetto spesso viene accostato al genere tipico delle commedie. Il teatro, però, oltre alla classica struttura basata sugli equivoci in contesti tradizionali, può toccare altre corde, inattese per il pubblico. Il dialetto non è solo nostalgia e ricordo, ma voce delle pulsioni più profonde che può e deve parlare ancora ai nostri giorni. Raffaello Baldini, straordinario poeta tra quelli che studieremo, diceva che “certe cose accadono in dialetto”. Il teatro è accadimento, pertanto la parola delle nostre radici, sarà il miglior tramite per esprimere le nostre più profonde emozioni.

Francesco Tonti

utilizza un metodo costruito negli anni dalla propria esperienza di studi, cominciata con stage di formazione con alcuni registi e attori presso il festival di Santarcangelo dei Teatri nel 1998, arricchita notevolmente dal diploma biennale presso la scuola di teatro di Bologna Alessandra Galante Garrone (basata sui fondamenti del metodo di Jacques Lecoq) dalla quale è uscito con il Massimo dei voti nel 2002 e ulteriormente affinata con seminari di alta formazione per attori professionisti (vedi curriculum).

Regista: Francesco Tonti

Periodo: ottobre 2016 – maggio 2017
Durata: 1 incontro a settimana dalle h 21.15 alle h 23.15
Frequenza: tutti i giovedì dal 20 ottobre 2016
DoveSala teatro (ex-cinema) – Via della Rinascita n° 23 Borgo S. Maria – Pesaro

Contatti e iscrizioni:
cell 333.3605301 (Gigliola)
info@teatroleombre.it | pagina facebook Associazione Teatrale Le Ombre