Le Ombre | Il teatro per abbattere le nostre maschere
1319
page-template-default,page,page-id-1319,ajax_leftright,page_not_loaded,,large,shadow1

Il teatro per abbattere le nostre maschere

2006. Progetto finanziato dall’Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino con la L.R. 46/95 a sostegno delle associazioni giovanili del territorio pesarese www.eurogiovani.provincia.pu.it.

È stato promosso un laboratorio teatrale di mimica e uso della voce, volto a sostenere, nella propria realtà locale, un modo nuovo e costruttivo di trascorrere il tempo libero giovanile, favorendone da un lato uno sviluppo della propria identità attraverso un protagonismo creativo e un’espressione di sé stessi e dall’altro una maggiore consapevolezza di essere cittadini attivi per mezzo di una stretta comunicazione e collaborazione con le istituzioni locali.

Il laboratorio si è chiuso con un saggio tratto dalla commedia La sonnambula.

Siamo nel cuore degli anni ’70, gli anni di piombo per l’Italia, periodo in cui le contestazioni si mescolano agli eventi con l’effetto di una bomba che rivoluzionerà la cultura in tutti i suoi aspetti, da quello politico-sociale a quello musicale.
10 aprile 1970 – Paul Mc Cartney annuncia ufficialmente lo scioglimento dei Beatles, decretando così la fine dell’era dei capelloni.
Mondiali di calcio, Messico 1970 – la nazionale di Riva perde in finale contro il Brasile di Pelè (4-1), dopo un’estenuante semifinale contro la Germania Ovest, conclusasi 4-3, ai tempi supplementari con il decisivo gol di Rivera.
Ottobre 1974 – Muhammad Ali riconquista il titolo mondiale battendo per KO George Foreman, dopo averlo perso per essersi rifiutato di arruolarsi nell’esercito americano nella guerra del Vietnam.
Primavera 1975 – dopo 20 anni di atrocità, finisce la guerra del Vietnam
1979 – Nobel per la pace alla “matita di Dio”, Madre Teresa di Calcutta
9 maggio 1978 – Aldo Moro scrive alla moglie: “Cara Norina, ti bacio per l’ultima volta”

In questo scenario storico, politico e culturale la Compagnia propone una commedia brillante di vita familiare: un emigrato che torna dall’America con una valigia, unica fortuna rimastagli, un amico che lo accoglie a “braccia aperte” e una moglie con una strana malattia di sonnambulismo …